Gibilterra: vince Aronian, bravo Vocaturo

(UnoScacchista)
Si è appena conclusa l’edizione 2018 del Tradewise Gibraltar 2018, uno dei tornei Open “Classici”, giunto quest’anno alla sua 16ª edizione. Dopo una spareggio tra quattro giocatori, ha vinto Levon Aronian. Eccellente la prestazione di Daniele Vocaturo, giunto a mezzo punto dai primi con 7 su 9, e molto buono il risultato anche degli altri italiani.

Vediamo spunti, storie e posizioni dal torneo.


Il torneo

Anche quest’anno il torneo si è confermato molto ricco di eventi e ottimamente organizzato. Neanche la tempesta di vento e pioggia che domenica scorsa ha flagellato Gibilterra ha disturbato lo svolgimento sia delle partite sia dei programmi accessori: i 573 giocatori hanno infatti non solo partecipato ai vari tornei (Master, Challenger A e B, Amateurs A e B), ma potuto assistere a lezioni, partecipare a eventi Blitz a squadre (da due e da quattro) e divertirsi con la tradizionale sfida tra giocatori e giocatrici su scacchiera gigante.

Ceuta da Gibilterra (JS)
Ceuta (Africa) vista dall’albergo “La Caleta” dove si è svolto il torneo – Foto di John Saunders

Il Torneo Masters ha visto la partecipazione di 276 giocatori, dei quali 208 titolati. 92 i GM, con 12 giocatori sopra i 2700 Elo. Spagna, Regno Unito e India hanno portato ben il 30% dei giocatori; 5 gli italiani: Vocaturo, Moroni, Dvirnyy, Sonis e Daniela Movileanu.

L’attenzione era tutta sui grandi favoriti: il “Candidato” Aronian, il francese Vachier-Lagrave e il campione in carica (da tre anni) Nakamura. Le attese non sono state deluse e i tre hanno chiuso in testa al torneo, con il solo Nakamura autore di una fuga solitaria ad inizio torneo. Per il resto, la battaglia è stata serrata, con mezzi punti persi qua e là. Alla fine si è vinto il torneo con 7,5 su 10, ma con ben sette giocatori appaiati!

Gib18 - Classifica
Gibilterra 2018 – Classifica finale

La classifica dice molto, ma non tutto. Il torneo di Aronian, ad esempio, è iniziato molto male, con quello che talvolta viene chiamato un “gambetto svizzero”, ovvero la perdita di mezzo punto al primo turno contro un avversario debole: il vantaggio sarebbe quello di evitare gli scontri diretti con i più forti ad inizio torneo; lo svantaggio è però quello di avere alcuni criteri di spareggio peggiori.

Gib18 - Andamento
Gibilterra 2018 – I risultati dei primi 7 (vittoria, patta, sconfitta)

La partenza “a razzo” di Nakamura sembrava aver deciso i giochi anzitempo, ma una serie di 5 patte lo ha rallentato fino ad essere raggiunto. Ha però realizzato una prestazione Elo (il criterio di spareggio a Gibilterra) molto alta, che gli ha garantito l’accesso ai match di spareggio.

Il regolamento torneo infatti prevedeva uno spareggio (rapid/blitz/armageddon) in caso di parità. Il massimo di giocatori agli spareggi era fissato in quattro, scelti in base appunto alla prestazione Elo: Aronian ce l’ha fatto non di molto!

Gli spareggi sono stati molto emozionanti, con il favorito Nakamura estromesso da Vachier-Lagrave, bravo, veloce e coraggioso negli spareggi blitz. Per l’americano, la striscia di successi consecutivi a Gibilterra si ferma quindi a tre. Aronian invece ha battuto Rapport in un match senza storia.

La finale è stata giocata tra Aronian e Vachier-Lagrave, in una riedizione dello spareggio in semifinale nella World Cup 2017. In quella occasione vinse l’armeno, che poi sarebbe andato a vincere la finale contro Ding Liren.

Gib18 - Spareggi
Gibilterra 2018 – Spareggi

Il match è stata equilibrato e giocato all’insegna della massima correttezza da parte dei due sfidanti. Alla fine l’ha spuntata (di nuovo) Aronian, che più di una volta si era trovato con pochi secondi sull’orologio. Continua invece la maledizione per Vachier-Lagrave, che non riesce a vincere uno spareggio: forza e coraggio. Complimenti comunque a entrambi, sia per la qualità di gioco che per la sportività dimostrata durante e dopo le partite.

Una nota particolare riguarda Aronian: per lo spareggio ha sfoggiato, sotto la giacca, una maglietta variopinta con un gatto con quattro occhi. Una stranezza probabilmente scaramantica, visto che usò con successo la stessa maglietta a Tbilisi.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ci piace sottolineare di nuovo l’eccellente prestazione di Vocaturo, che ha terminato il torneo imbattuto e ha colto due ottime patte con giocatori sopra i 2700 Elo, Vitiugov e Adams. Come ciliegina sulla torta, anche 11 punti Elo, che lo portano nella classifica live a un bel 2620.

Gib18 - Vocaturo
Gibilterra 2018 – Il torneo di Daniele Vocaturo

Molto bella la sua vittoria contro Kaidanov, ottenuta con una pressione costante in un finale di pezzi pesanti che non sfigurerebbe affatto accanto a una partita di Carlsen.

Daniele Vocaturo (ST)
Daniele Vocaturo ritratto da Sophie Tray

Come detto, molto buona anche la prestazione degli altri italiani. Moroni, Dvirnyy e Sonis hanno tutti concluso a 5,5 su 10, mentre Daniela Movileanu ha raccolto 4,5 punti (e anche 36 bei punti Elo), oltre a realizzare una norma per WIM.

Gib18 - Norma WIM per Movileanu
Norma di WIM per Daniela Movileanu (a sinistra) – Foto Maria Emelianova per Chess.com

Ha fatto anche notizia il risultato del giovanissimo spagnolo Lance Henderson de la Fuente, astro nascente dello scacchismo iberico. Ancora non titolato (ma la nomina di MI è in corso di ratifica), ha totalizzato 7 punti, conquistando anche una norma da GM. A soli 14 anni, ha cominciato bene il 2018.

Lance Henderson de la Fuente (JS)
Il giovanissimo spagnolo Lance Henderson de la Fuente – Foto di John Saunders

Una particolare menzione merita la grande, immensa Pia Cramling: a 53 anni è arrivata prima tra le donne con 6 punti e mezzo, davanti a ragazze molto più giovani.

Pia Cramling (JS)
Pia Cramling ha brillato a Gibilterra (foto di John Saunders)

Evidentemente la prestazione al Mondiale Blitz di Riyad non era un caso. Non ha brillato invece Ju Wenjun (6 punti), ma non se ne farà un gran cruccio, visto che ha festeggiato i sui 27 anni durante il torneo.

Ju Wenjun (ST)
Una sorridente e raggiante Ju Wenjun in una foto di Sophie Triay

Combinazioni vincenti, perdenti e… mancate

Il torneo è stato ricchissimo di partite (1320 + le 10 degli spareggi): da queste ho selezionato qualche posizione che, per soluzioni tattiche, soluzioni strategiche o… curiosità, hanno catturato la mia attenzione.

Cominciamo con una chiusura brillante di Jouri Gouriatchkin, FM nonchè padre di Aleksandra Goryatchkina, che “castiga” il GM croato Bosiocic.

Goryatchkin-Bosiocic, R1, dopo 30. ... Td7?
Goryatchkin-Bosiocic, R1, dopo 30. … Td7?

La continuazione è tatticamente pregevole: 31. Cf8! Txe5 32. dxe5 De1+ 33. Tf1 Dxd2 34. Cxd7 Cf7 35. Dd8+ 1-0 Un chiaro esempio di sovraccarico: a 35. … Cxd8 segue 36. Tf8#


Il giovane GM polacco Duda sia sta confermando come uno dei giovani più promettenti: nella nuova classifica Elo Junior è a soli 10 punti da Wei Yi e se il cinese è considerato una delle stelle della nuova leva scacchistica, Duda non è da meno. Nella partita contro il Dragone di Nakamura, però, non è riuscito ad arginare l’attacco dell’americano e del suo Alfiere nero.

Duda-Nakamura, R5, dopo 36. Ac5
Duda-Nakamura, R5, dopo 36. Ac5

L’alfiere corre a bloccare la minacciata spinta in f2, che avrebbe deviato la Donna bianca dalla difesa di c3, ma Nakamura ha ben altre armi a sua disposizione: 36. … f2! (e così il pezzo deviato è l’alfiere… ) 37. Axf2 Te7! (… ma solo per permettere comunque la deviazione della Donna bianca) 38. Dxe7 Dxc3+ (qui Duda decide di far giocare la combinazione fino in fondo: atteggiamento molto cavalleresco) 39. Ra3 Qa5# 0-1


Il torneo non è andato molto bene per Vasily Ivanchuk: il GM ucraino non ha mai preso velocità e quando ci ha provato è stato fermato brillantemente da due giocatori indiani. Entrambe le combinazioni sono efficaci ed esteticamente apprezzabili.

Sandipan-Ivanchuk, R6, dopo 18. ... Ab5
Sandipan-Ivanchuk, R6, dopo 18. … Ab5

Il Bianco ha giocato un’idea nuova e molto interessante in apertura, sacrificando due pezzi per una torre e una massa di pedoni. Al Nero, però, basta portare in gioco la Th8 per stare anche un po’ meglio. Sandipan continua a giocare sulla forza della massa dei pedoni e sul ritardo di sviluppo del Nero con 19. Ta7! Axf1 20. Txb7 Cc6 21. Rxf1 e qui Ivanchuk, in uno dei suoi momenti “Chuky”, impiega solo 4 secondi per giocare la perdente 21. … O-O? La poco spontanea 21. … Tf8! avrebbe mantenuto la parità dopo, ad esempio, 22. b5 Cxd4 23. b6 Rd8 24. Ta7 Cc6 25. Tc7 Cb4 26. Ta7 Cc6. Ora invece Sandipan chiude rapidamente: 22. b5 Ca5 23. Tc7 1-0


La combinazione immaginata da Gupta nella posizione del diagramma seguente è molto lunga e richiede una certa abilità geometrica.

Gupta-Ivanchuk, R8, dopo 28. ... Td8
Gupta-Ivanchuk, R8, dopo 28. … Td8

Il Bianco sta sicuramente meglio, ma tra qui e riuscire a sfondare in e6 sembra che ci sia ancora da lavorare. Invece il GM indiano ha iniziato una bella sequenza con 29. d5 Txd5 (praticamente forzata) 30. Cxe6! Txe6 (era più resistente 30. … Dc6)

Gupta-Ivanchuk, R8, dopo 30. ... Txe6
Gupta-Ivanchuk, R8, dopo 30. … Txe6

Qui Gupta continua con una bella combinazione che sicuramente aveva visto al momento della spinta in d5: 31. Tg8+! (adescamento) 31. … Rxg8 32. Dxd5 e l’inchiodatura è vincente. Ivanchuk ha proseguito ancora un paio di mosse prima di abbandonare 32. … Db5 33. Dxe6+ Rg7 34. Td1 1-0


All’ottavo turno, contro l’indiano Venkatesh, Anna Muzychuk aveva il tratto in questa posizione:

A.Muzychuk-Venkatesh, R8, dopo 24. ... g6
A.Muzychuk-Venkatesh, R8, dopo 24. … g6

Il Nero ha giocato quella che doveva essere una combinazione di semplificazione e ha previsto di riprendere il pezzo appena sacrificato grazie all’inchiodatura del pedone c3. La Muzychuk ha effettivamente giocato 25. Df6 e dopo 25. … Cxd4 26. cxd4 Dxc2 27. Dxa6 Dc4 la partita si è avviata verso la patta, siglata alla 40ª mossa. Cosa non ha visto la campionessa ucraina? Che dopo 25.Dxe6!! fxe6 26. Ab3 e la presa di Torre in e6 avrebbe avuto il controllo completo della scacchiera con la potente coppia di alfieri. Peccato.


Sempre all’ottavo turno, l’ungherese Richard Rapport ha giocato una notevole manovra per scardinare definitivamente le difese dell’inglese David Howell.

Rapport-Howell, R8, dopo 35. ... Rg6
Rapport-Howell, R8, dopo 35. … Rg6

Il vantaggio del Bianco è evidente, ma come fare a organizzare la rottura con la spinta in e5 senza rimetterci la Tf5? Rapport ha visto che la soluzione ideale è portare l’Alfiere in h5 (!) via d1. Sapendo il perchè non ci sorprenderà sapere che ha giocato 36. b4! e dopo 36. … Cxb4 37. Ad1 Ca6 38. Ah5+ Rh7 39. e5 è andato a vincere rapidamente con i due pedoni centrali. Certo non ci sorprenderà, ma in quanti di noi avrebbero immaginato questa manovra?


L’ultimo turno è stato ovviamente ricco di tensione: l’esito del torneo era in ballo su molte scacchiere e in cinque (Aronian, Nakamura, Vachier-Lagrave, Rapport e Dubov) hanno iniziato le partite con mezzo punto di vantaggio sul gruppo. Dopo un torneo convincente (dopo la sconfitta iniziale ha ottenuto 7 punti su 8), Dubov nutriva molte speranze contro il Le Quang Liem. Il vietnamita ha però trovato una manovra di sfondamento precisa ed efficace:

Le-Dubov, R10, dopo 44. ... Ac7
Le-Dubov, R10, dopo 44. … Ac7

La posizione è molto è pittoresca, con la quinta traversa ingombra di pezzi e le catene pedonali a fronteggiarsi, ma l’ultima mossa del Nero è stata un errore. Difficile vederlo di prim’acchitto, ma ci sono due temi tattici importanti: il Ch5, difeso solo dal Re che può essere mandato via con uno scacco di alfiere in g5, e l’Ac7, che, se il Bianco catturasse di Torre in c5, risulterebbe inchiodato sulla Tc8. Le catene pedonali b6-c5 e f6-e5 sono l’ossatura della posizione del Nero, ma entrambe sono anche funzionali a evitare i temi tattici esposti: tutto converge verso la casa d4, dove Le getta un pedone kamikaze. 45. d4!! Adesso tutto crolla. Se 45. … Th8 (per difendere il Ch5), dopo 46. dxe5 fxe5 47. Axg5+ la partita è decisa. Se invece 45… cxd4 il Bianco sfrutta la cattiva posizione dell’Ac7 con 46. c5 bxc5 47. Txc5 e tutto crolla sull’ala di Donna. Dopo lunga riflessione Dubov ha giocato 45. … exd4 46. e5! Tdd8 47. Txb6! Axb6 48. Txb6 e, con la caduta del pedone f6, i due pedoni centrali hanno dato la vittoria al Bianco alla 55ª mossa.


Chiudiamo questa carrellata sul Torneo di Gibilterra con quella che poteva essere una svista molto costosa per Aronian. All’ultimo turno, contro Nakamura, aveva costruito un attacco molto pericoloso sull’arrocco Nero.

Aronian-Nakamura, R10, dopo 24. ... h5
Aronian-Nakamura, R10, dopo 24. … h5

L’ultima mossa del Nero indebolisce ulteriormente l’arrocco, ma non c’era altro modo per evitare l’ingresso decisivo della Donna bianca in h6. Adesso Aronian deve solamente continuare metodicamente ad alternare l’attacco al pedone e7 con le minacce legate al pedone f5 (ad esempio con 25. Tf4 Ta2 26. Tf2) e dovrebbe avviarsi verso la vittoria, sia della partita sia del torneo. Invece ha una tremenda allucinazione e gioca 25. Txh5? gxh5 26. Dg5+ Rh7 27. Dxh5+ Rg8 28. Dg4+ Rh7.

Aronian-Nakamura, R10, dopo 28. ... Rh7
Aronian-Nakamura, R10, dopo 28. … Rh7

Adesso dopo 29. Te3 come può fare il Nero a parare la minaccia di matto in h3? Avete trovato il modo? Beh, Aronian, per sua fortuna, ha visto a questo punto che dopo 29. … Ta1+ 30. Rf2 Dxb2+ 31. Ce2 Dg7! la Donna rientra in tempo e permette la fuga in g8 del Re. E ci sarebbe nulla neanche se il Bianco premettesse 29. f6 exf6 a 30. Te3, a causa di 30. … Ta1+ 31. Rf2 Dxb2 32. Ce2 Db6! E gli è andata anche bene che c’era ancora il perpetuo con 29. Dh4+ Rg8 30. Dg4+ Rh7 ½-½

Poi, gli spareggi Rapid e Blitz hanno rimesso a posto le cose: sarebbe stato davvero un peccato se questo errore fosse costato il torneo ad Aronian.


Premiazione

Finiamo questo lungo report con qualche foto dalla cerimonia di chiusura del torneo: fa piacere vedere tra i premiati Vocaturo. Avanti così!

Questo slideshow richiede JavaScript.

E, per finire…

Gib18 - Daniele e Daniela
Daniele e Daniela

One thought on “Gibilterra: vince Aronian, bravo Vocaturo

Add yours

  1. grazie per questi articoli , tutti di ottima qualità e in italiano.
    Sarebbe utile poter eseguire le mosse direttamente sulla pagina, non potresti utilizzare qualcuno dei vari tool scacchistici disponibili su www ?

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: